Sunday, July 5, 2009

Tarte with Caramelized Figs

Tarte ai Fichi Caramellati - Tarte with Caramelized Figs

As I promised a couple of posts ago I'm posting the recipe that I cooked with the "Fioroni" figs that I photographed. In reality it is a "mix" of different recipes, the tarte is nothing but a classic pasta brisée, whose preparation was described in this post, while the figs are a reworking of a couple of ways to caramelize them, because I didn't wanted them to become too "dry."

Ingredients for a tarte of about 6 inches wide: 1 and 1/10 cups of all purpose flour, 3/5 cup of butter, 2.2 oz. of figs, 1 and 1/2 cups of sugar, ground cinnamon, aromatic vinegar, salt, some egg white.

Preparation: to prepare the tarte follow the instructions in this post using the flour, 2/5 cup of butter and a pinch of salt. Cut the figs into slices, put them in a pan along with the sugar, the remaining butter, and sprinkle them with cinnamon and a bit of aromatic vinegar. Cook them on very low heat for about a hour until they become of a nice golden color but still soft. If the syrup produced will be too liquid, remove the figs, and restrict it on the fire until it becomes enough thick. At this point brush the baked tarte with egg white, place the figs inside and cover them with syrup. Bake the tarte in the oven again for about ten minutes. Serve hot, together with Chantilly cream or yogurt with honey.

Reblog this post [with Zemanta]

9 commenti :

Fra said...

quel guscio così croccante è una tentazione!!! ne prenderei una al volo, bravissimo
Un abbraccio
fra

fiOrdivanilla said...

Ale, ma secondo te questa meraviglia e bontà verrebbe bene con una base di sablée alle mandorle tostate?

Alessandro Guerani said...

@Fra
Grazie Fra, sempre troppo buona (davvero! Ogni tanto criticami anche un po' sennò poi mi monto la testa).

@fiOrdivanilla
Non ci sono motivi pratici contro, ma secondo me verrebbe troppo dolce, è già molto dolce con la pasta brisée.

fiOrdivanilla said...

uh no no! ma la mia pasta sablee non è dolce per niente! Infatti non prevede nemmeno zucchero se non in pochissime quantità: farina, mandorle, poco zucchero a velo e burro. stop :) pensa che si abbina benissimo col uno strato di caramello mou e uno di crema al cioccolato fondente (ideata il mese scorso:).. non ho ancora avuto modo di postarla per mancanza di tempo. Ma questa sablee era perfetta, persino con l'estrema dolcezza del mou! Quindi.. :)

la cucina di qb said...

Siete due miti...ispiratori! Ho aggiunto un po' di zenzero all'impasto della pasta sableè di fiordivanilla ed è venuta una bontà. Sarebbe da provare con delle fettine sottili sottili di culatello da aggiungere gli ultimi minuti di cottura, per una quiche un po' così. Che dici?

fiOrdivanilla said...

IO - scusate l'intromissione :) - direi che ci starebbero assai bene. Da Torta dolce quale poteva sembrare, diverrebbe un'ottima Torta da servire per un pasto, che sia a pranzo o cena, calda con fette di culatello fredde di frigorifero, oppure calda con le fette aggiunge durante gli ultimi minuti così da fare un effetto affumicato :)
Il tutto è perfetto, semplicemente perché appunto la mia sablée non è dolce, i fichi sono versatili e il culatello infine dà il carattere salato alla torta. Più buona di così... :)

Alessandro Guerani said...

Intromissione scusata... e poi potrei cassare qualcosa col culatello? (anche se continuo a preferire la brisée che la sablée per il salato :P)

fiOrdivanilla said...

Ale.. tu sai perché non viene visualizzato l'aggiornamento del mio blog per caso? :(

fiOrdivanilla said...

la sablée in effetti è più indicata per i dolci... ma a me piace azzardare :)

Post a Comment